I nuovi laureati in TRMIR ai tempi del Covid.

Inutile a dirsi , il pensiero che accompagna ogni studente durante il corso di laurea è quel giorno in cui degli uomini in toga nera in un atmosfera solenne pronunciano quella fatidica frase “con i poteri conferitemi dal magnifico rettore la proclamo dottore o dottoressa in….” e da li a poco il pensiero ai festeggiamenti, alle risate per le classifiche fotografie compromettenti appese nell’andito, al calore dei parenti venuti dai luoghi più lontani e ad una notte che finisce al mattino successivo insieme agli amici di sempre. Di certo Tommaso, Mauro D. , Mauro T. e Giovanna oggi Dottori in TRMIR mai avrebbero immaginato di vivere, probabilmente uno dei momenti di maggior orgoglio personale, su Microsft Teams, nel freddo scenario della tecnologia. Tuttavia tutti nella commissione erano a conoscenza della situazione e tutti hanno vissuto ancor di più l’emozione della sessione.

  • A tal proposito occorre ringraziare chi ha permesso, nonostante le difficoltà, che tutto quello scenario apocalittico fosse invaso dall’odore di casa, e nonostante fosse la prima, per la Segreteria di medicina dell’Università degli Studi di Cagliari, il capolavoro organizzativo e di attenzione è stato impeccabile grazie al grande impegno di Giuseppe Manca, Barbara Cau, Roberto Marica (accento doverosamente sulla i), alla direzione del coordinatore del CDL Prof. Matteo Ceccarelli, al supporto ai ragazzi da parte del neo-coordinatore dei tirocini Carlo Orgiana e alla comprensione e la” vicinanza” di tutta la commissione.

I ragazzi l’hanno percepito e a sentire le loro memorie dopo la proclamazione non è andata così male anzi….

A parlare è Mauro Drò oggi dottore in TRMIR che gia pensa alla festa posticipata :

E’ stata una situazione strana: avevo un pochino d’ansia perchè stavo per sostenere un esame importante, però stare all’interno dei miei spazi mi ha dato quel briciolo di tranquillità in più che mi ha consentito di affrontare al meglio la prova e superarla. Dopo la proclamazione ho avuto la fortuna di avere i miei genitori al mio fianco, mentre la mia ragazza e i miei amici mi hanno fatto una grandissima sorpresa con una videochiamata di gruppo. Visto il periodo, bisogna accontentarsi. Per i festeggiamenti veri e propri, aspetteremo tempi migliori

E per qualcuno come Mauro Testa la laurea online forse è servita a smorzare la tensione

La mattina ero molto teso e ho trascorso la mattinata ripassando sia per l’esame di abilitazione e sia per il discorso da esporre durante la discussione. Durante la laurea però mi sono sentito a mio agio e sono riuscito ad esporre la mia tesi in modo abbastanza tranquillo. Disucutere la tesi online è stato ugualmente emozionante perché sono riuscito a far seguire in streaming la mia laurea a più di cento persone e questo non sarebbe potuto accadere svolgendo una laurea tradizionale. Finita la discussione ho festeggiato a casa con la mia famiglia e ho risposto agli auguri di parenti e amici.

L’unica donna della sessione non ha invece rinunciato alla corona subito dopo la proclamazione :

In fin dei conti, al contrario di ciò che pensavo è stato un giorno speciale anche se surreale. Mi sono sentita subito a mio agio ad esporre la tesi nella mia stanza come già avevo fatto nei giorni precedenti, senza pensare minimamente che in realtà tante persone mi stavano seguendo nonostante fosse per me difficile percepirlo. I miei amici e familiari hanno potuto seguirmi grazie all’evento live, e hanno cercato in tutti i modi di non far perdere regalità all’evento. Dopo la proclamazione, ho avuto comunque la mia corona d’alloro e modo di essere festeggiata da amici e parenti.

E infine c’è chi come Tommaso ha affrontato la sua laurea  completamente da solo, ma che proprio grazie alla tecnologia forse solo non lo è mai stato :

Quando pensavo al giorno della mia laurea non pensavo a questo. Ad essere onesti la cosa mi ha anche causato un po’ di malumore e soprattutto nei giorni precedenti i miei sentimenti al riguardo erano a dir poco contrastanti. Laurearmi da solo, senza le persone a cui tengo di più intorno, non era esattamente ciò che avevo pianificato per questo traguardo. Ma alla fine, nonostante la distanza, nonostante i chilometri, nonostante fossi fisicamente solo, non mi sono sentito solo. Ho fatto un aperitivo ‘telematico’ in attesa di poter festeggiare di persona e, anche se non sarà stato perfetto, rimarrà sempre un bel ricordo

A tutti abbiamo voluto dedicare un video con i contenuti a disposizione,  perchè riteniamo che questa sia sicuramente una sessione che ci ha coinvolto senza distinzioni dal punto di vista emotivo : la laurea al tempo del Covid 19 è surreale, come tutto in questo periodo, ma grazie al contributo delle persone che ne hanno preso parte il peso della situazione è diventato sicuramente più sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: